5 tipologie di meditazione guidata

Meditazione guidata: cosa è

La meditazione è una delle pratiche più diffuse e semplici per il rilassamento della persona. La parola meditazione deriva dal latino meditatio che significa riflessione, consapevolezza e consiste in una serie di esercizi che, se eseguiti in maniera costante e concentrata, possono generare benefici per la mente e per il corpo.

La meditazione guidata è una tipologia di meditazione che viene eseguita secondo delle regole più o meno precise.

meditazione-guidata_2.jpg Gli scienziati sono soliti classificare la meditazione, in base al modo in cui viene focalizzata l'attenzione: si potrà parlare dunque di attenzione concentrata, aperto monitoraggio e sforzo presenza.

Per attenzione focalizzata si intende una modalità di meditazione guidata in cui ci si concentra su un singolo oggetto, cercando di limitare le distrazioni, per tutta la sessione di meditazione. L’oggetto può essere un mantra, una parte del corpo, il proprio respiro.

L' aperto monitoraggio consiste nel lasciare l'attenzione libera di viaggiare in tutti i campi dell'esperienza senza giudizio né legami. Si tratta di un processo di monitoraggio non reattivo in cui tutte le percezioni interne(sentimenti, pensieri, memoria) o esterne (udito, olfatto, tatto) sono sentite così come sono.

Infine lo sforzo presente è uno stato che può essere definito senza "consapevolezza senza scelta". L'attenzione non è focalizzata ma si riposa su se stessa e diviene silenziosa, pura, costante. La persona si trova nello stato presente nel qui e ora.

Nonostante questa categorizzazione, esistono moltissimi tipi di meditazione guidata ed è normale chiedersi quale sia la più adatta. In questo articolo sono presentate 5 tra le tipologie di meditazione guidata che si possono iniziare grazie al consiglio di uno psicologo.

Consulta uno psicologo

Le 5 tipologie di meditazione guidata più efficaci e semplici

Meditazione guidata Mindfullness

La meditazione mindfullness è una tecnica di meditazione che serve a condurre una persona verso una “presa di coscienza” del momento presente, in un modo che gli antichi greci chiamerebbero Epoké (“assenza e sospensione del giudizio).

Questa tipologia di meditazione guidata presuppone una focalizzazione dell’individuo sul qui e ora, cioè un impegno verso se stessi ad essere “presenti”. La meditazione guidata mindfullness vi aiuterà a lasciar scorrere in maniera più fluida tutti i sentimenti, le sensazioni e e i comportamenti senza alcun tipo di valutazione e senza crearsi alcuna opinione a riguardo.

Meditazione guidata buddista

La meditazione buddista è una tipologia di meditazione guidata che ha come obiettivo finale quello dell’illuminazione. Così come la filosofia buddista anche la meditazione che l’accompagna è volta a catalizzare le energie verso l’arricchimento dello stato vitale.

Si può fare meditazione guidata buddista in qualsiasi momento: distesi la mattina nel proprio letto, in ufficio, seduti, mentre si cammina.

L’importante è raggiungere quello stato vitale di serenità in cui tutti i pensieri vengono “spenti” a favore della pace interiore. Solitamente quello che contraddistingue la meditazione buddista dalle altre è la ripetizione di un mantra cioè di una preghiera, una promessa nei nostri confronti, un obiettivo e finanche una paura.

Meditazione guidata vipassana (meditazione dell’intuito)

La meditazione guidata Vipassana fa parte, insieme alla meditazione guidata Samatha della meditazione buddista. La meditazione Vipassana è anche definita la meditazione dell’intuito in quanto si focalizza soprattutto sul settimo chakra (il chakra della corona) e cioè il rapporto tra l’individuo e il cosmo e la razionalizzazione dello stesso.

Lo scopo di questa tipologia di meditazione guidata è quello di sviluppare una profonda consapevolezza della mente circa la realtà circostante. La meditazione guidata Vipassana agisce sia dentro di noi, attraverso la consapevolezza del nostro corpo, sia fuori di noi, nel flusso e nell’armonia con l’universo.

La meditazione guidata Samatha (meditaione della tranquillità) invece solitamente è uno stato continuo e necessario che utilizziamo per affrontare al meglio la consapevolezza sul mondo.

Meditazione guidata trascendentale

Questa quarta tipologia di meditazione guidata è chiamata trascendentale in quanto si distanza dall’essere una meditazione “strutturata” ed è considerata più fluida. La meditazione trascendentale è stata fondata dal maestro Maharishi Mahesh Yogi e portata in occidente nel 1958.

Questa tipologia di meditazione guidata è tra le più semplici ed efficaci in assoluto per la guarigione della mente da stress, ansie e fobie. Contrariamente a tutte le altre pratiche non si tratta di concentrarsi su un suono, un mantra, un esercizio ma la mente trascende, abbandona tutto ciò che la tiene salda arrivando a uno stadio di serenità totale. È una sorta di silenzio interiore, una sorta di ritorno a casa al proprio vero sé.

Meditazione yoga

La meditazione guidata dallo yoga è molto comune: yoga e meditazione sono due ottimi strumenti che se combinati insieme portano ad un primo stadio della consapevolezza. Solitamente la prima meditazione ad essere praticata nello yoga è quella del “risveglio del Kundalini” cioè il risveglio della consapevolezza del nostro sistema sottile di energie. Una volta che la Kundalini è stata risvegliata questa rimarrà sempre attiva.

Consulta uno psicologo