assistenza-gratutita-coronavirus
assistenza-gratutita-coronavirus

Coronavirus: consulta gratuitamente un medico online!

Coronavirus: sintomi

Secondo il Ministero della Salute Covid-19 è un acronimo dove CO sta per Corona, Vi sta per virus, D sta per desease (malattia) e 19 è l’anno in cui si è verificato il primo caso.

Secondo quanto affermato dagli studi più recenti, i sintomi da Coronavirus compaiono dai 2 a 11 giorni dopo avere contratto il virus, con una media di comparsa di 5,1 giorni.

I sintomi più comuni sono molto simili a quelli di una influenza stagionale. Tra questi riportiamo:

  • Tosse (secca 80% dei casi)
  • Febbre (90% dei casi)
  • Rinorrea (Naso che cola)
  • Gola infiammata
  • Mal di testa
  • Stato generale di malessere (dolori muscolari e stanchezza)
  • Distress respiratorio (Difficoltà respiratorie 15% dei casi)

Tra le manifestazioni meno frequenti e più rare all’esordio:

  • Disturbi gastro intestinali
  • Diarrea
  • Senso di confusione.

Consulta un dottore

Coronavirus: parla il dottore

Da quelle che sono le attuali conoscenze del Covid-19, la sintomatologia presuppone l’interessamento del tratto respiratorio con manifestazioni da lievi come il comune raffreddore, a moderate come una sindrome pre-influenzale che durano un periodo molto limitato di tempo con i sintomi che elencati poco sopra.

I casi che hanno registrato una sintomatologia più severa ad oggi sono stati per lo più gli anziani e chi ha malattie pre-esistenti, quali diabete e malattie cardiache o immunocompromissioni.

Dal momento che i sintomi sono abbastanza comuni il rischio di incorrere in falsi sospetti è abbastanza alto.

Sono dirimenti per la diagnosi gli esami di laboratorio, che vengono effettuati da laboratori selezionati nelle varie regioni nei casi specifici in cui si presenti un sospetto fondato di contagio, quindi se il soggetto sintomatico ha avuto contatto stretto con un casa confermato o possibile.

Consulta un dottore

Coronavirus: Numeri utili

È raccomandato nel caso di sintomi il buon senso, non recarsi al pronto soccorso ma telefonare al vostro medico di famiglia, al 112 o al 1500 e ad i vari numeri verdi regionali che vi spiegheranno come procedere. Non prendete iniziative e siate accorti.

Chiama ora