Buchi nei capelli: cosa sono, cause, rimedi e cura

Buchi nei capelli: cosa sono

I buchi nei capelli sono causati dalla caduta dei capelli e la perdita dei peli in diverse parti del corpo e rappresentano un campanello d'allarme per possibili patologie sistemiche.

Oltre alla natura patologica del problema, i buchi nei capelli hanno implicazioni psicologiche che non vanno sottovalutate.

Consultare un dermatologo è la prima cosa da fare ma bisognerà anche valutare la possibilità di iniziare una terapia psicologica di supporto a quella medica.

Peli e capelli hanno una crescita ciclica, i tempi di ricrescita nel caso di buchi nei capelli potrebbero essere più o meno lunghi in base alla natura e alla gravità del problema.

Ciascun ciclo di crescita consiste nelle seguenti fasi:

  • Una lunga fase, detta anagen, che dura da 2 a 6 anni ed è una fase di crescita
  • Una breve, detta Catagen, che ha una durata di 3 settimane, è una fase di transizione sin cui si ha una fase di “morte programmata” dei capelli
  • Una fase breve, detta telogen, che va dai 2 ai 3 mesi, ed è una fase di riposo. È alla fine della fase di telogen che il pelo cade, perdiamo ogni giorno dai 50 ai 100 capelli.È alla fine della fase di telogen che il pelo cade, perdiamo ogni giorno dai 50 ai 100 capelli.

Normalmente il ciclo di crescita dei capelli segue le fasi citate. Tuttavia se si è affetti da buchi nei capelli i problemi potrebbero essere:

  • Anagen effluvium, una caduta numericamente molto elevata e qualitativamente omogenea, poiché cadono capelli che si trovano tutti in questa fase del ciclo vitale
  • Telogen effluvium, la forma più frequente di caduta capelli conseguente ad uno stress psichico-fisico, aumento transitorio del numero dei capelli che cadono in fase di ricambio dai follicoli del cuoio capelluto che hanno terminato la fase di crescita
  • Alopecia androgenetica (perdita dei capelli con distribuzione maschile o femminile) è una malattia ereditaria androgeno-dipendente. Questa forma di alopecia può interessare fino all'80% degli uomini con fototipo chiaro sopra i 70 anni (calvizie a distribuzione maschile) e circa la metà delle donne (calvizie a distribuzione femminile). Le cause sono ormonali, negli uomini si comincia con la classica stempiata e la perdita dei capelli nella così detta “chierica” che si estende poi a tutoli cranio, mentre, nelle donne assistiamo a un diradamento omogeneo dei capelli. A questa spesso si associa l’alopecia seborroica
  • Alopecia Areata, caduta parziale o totale di peli, capelli, ciglia e sopracciglia è una malattia autoimmune, si manifesta in giovane età quando si assiste ad un “sconvolgimento” del Setting immunitario non è da considerare la natura psicosomatica in questo caso.

Consulta un medico

Buchi nei capelli: cause

A causare buchi nei capelli possono contribuire:

  • stress fisico: ossia tutti quei fattori che influiscono sulla crescita del follicolo: gravidanza, sospensione o cambiamento di un contraccettivo orale, intervento chirurgico, trauma fisico, dieta severa con calo ponderale, malattie importanti specialmente se con febbre alta
  • stress psichico: numerose situazioni quali: incidente, trasloco, matrimonio, problemi affettivi o familiari, esami, ansia, stress da lavoro correlato, fobia sociale
  • Le altre cause più frequenti che possono causare patologie legate ai buchi nei capelli sono:

    • Infezione (p. es., tinea capitis, kerion)
    • Disturbi sistemici (disturbi accompagnati da febbre alta, lupus eritematoso sistemico, disturbi endocrini e deficit nutrizionali)
    • Traumi come: tricotillomania, alopecia da trazione, alopecia cicatriziale centrifuga centrale, ustioni, radiazioni, e perdita di capelli indotta da pressione (p. es., post-operatoria).
    Cause meno frequenti sono:

    • Anomalie primitive del fusto del capello
    • Malattie autoimmuni
    • Avvelenamento da metalli pesanti
    • Rare condizioni dermatologiche (p. es., cellulite dissecante del cuoio capelluto, che colpisce in genere i ragazzi neri)

Consulta un medico

Buchi nei capelli: rimedi e cura

Rivolgersi al medico se i buchi nei capelli ci sembrano anomala, o se i capelli ci appaiono alterati qualitativamente. Il medico poter cominciare la raccolta anamnestica e l’esame obiettivo.

L’esame sarà indirizzato al cuoio capelluto dove verranno valutati distribuzione delle zone interessate dalla caduta, la caratteristica della lesione e la presenza di cicatrici.

Viene valutata la cute, per valutare la perdita di peli in altre parti del corpo (p. es., sopracciglia, ciglia, braccia e gambe). Rimedi efficaci contro i buchi nei capelli sono i trattamenti locali che permettono di:

  • rallentare l’eccessiva caduta dei capelli riportandola a un livello fisiologico
  • favorire, con prodotti nutritivi, stimolanti e con corrette prassi igieniche, la normale ricrescita dei capelli laddove i follicoli sono ancora attivi
I trattamenti farmacologici in caso di buchi nei capelli possono essere: il minodixil che può essere utilizzato in entrambe i sessi, i risultati non si vedono prima di 6-7 mesi di terapia continuativa. Il finasteride invece a totale appannaggio maschile, inibisce la trasformazione di testosterone.

Gli effetti collaterali ci sono e sono più preoccupanti della perdita dei capelli quindi bisogna valutarli con attenzione e senza essere superficiali. Nella alopecia areata però è difficile intervenire trattandosi di auto-immunità, la terapia cortisonica potrebbe essere una strada da percorrere.

Micro trapianto capelli. Anche se la micro chirurgia negli ultimi anni si è evoluta, non può in alcun caso risolvere alla base il problema vero del paziente, di fatto l’autotrapianto di capelli è una soluzione che permette di coprire il problema ma per sua natura non lo risolve. Se l’autotraopianto non poggia su una vera base di salute è una procedura che dovrà essere ripetuta più volte, è facile incontrare pazienti che hanno eseguito molteplici trapianti di capelli.

Terapia laser. E’ una terapia senza effetti collaterali e se usata con costanza può davvero rallentare la caduta dei capelli e migliorare la circolazione sanguigna. Esistono molti tipi di laser è un approccio terapeutico da considerare di supporto alla Medicina Rigenerativa e non una soluzione completa fine a se stessa.

Biostimolazione ad alta frequenza. Agisce direttamente sul bulbo pilifero rivitalizzandolo è un ottimo trattamento.

Protocollo di Medicina Rigenerativa avanzato, rappresenta una soluzione completa e non paragonabile ad altre terapie. Include una diagnosi Genomica, Lipidomica e ormonale avanzata, e associa la stimolazione delle Cellule Staminali e della Matrice ExtraCellulare, consente un’azione a 360° capace di interagire concretamente con le cause e concause del singolo paziente. In ogni caso bisogna considerare che il corpo manda dei segnali e che i buchi nei capelli potrebbero essere un segnale di una sofferenza fisica da non prendere sottogamba.

Consulta un medico