coronavirus
coronavirus

Ansia in gravidanza: cosa è, quali sono i sintomi e come si cura online

Ansia in gravidanza: cosa è, quali sono i sintomi e come si cura online

Ansia in gravidanza: cosa è

L’ansia in gravidanza è un disturbo che si verifica nella donna una volta scoperto di essere incinta. Del resto le sensazioni, le emozioni, le paure e i dubbi che iniziano ad assediare la neo-mamma sono molteplici e possono provocare tensione, insonnia e insicurezza, ma più in generale il sentirsi sopraffatti da un avvenimento di tale importanza.

Spesso infatti la donna può cominciare ad avere cattivi pensieri che causano stress e nervosismo, come per esempio l’idea di dover ingrassare o di dove affrontare una gravidanza a rischio o ancora che il bambino possa nascere con malformazioni o patologie.

Il periodo perinatale è normalmente contraddistinto da una certa vulnerabilità psichica e secondo alcuni studi coinvolge circa il 20% delle mamme.

L’ansia in gravidanza può aumentare col passare dei mesi, ossia quando il soggetto, oltre che ad avvertire nausea e gonfiore o ad essere preda di inevitabili sbalzi ormonali, comincia a notare cambiamenti nel proprio corpo: una serie di fattori che talvolta provocano un certo senso di inadeguatezza dato dal timore che, una volta partorito, non si possa più tornare come prima.

Ansia in gravidanza: primo trimestre

In particolare il primo trimestre può essere scioccante tra nausee, cambiamenti repentini di umore, stanchezza e irritabilità, del resto si tratta del periodo in cui statisticamente avvengono la maggior parte delle interruzioni spontanee e precoci della gravidanza.

Ansia in gravidanza: secondo trimestre

Una volta superata questa fase, arriva il secondo trimestre, forse quello meno complicato, poiché sembra ormai scongiurato il rischio di un aborto spontaneo. La donna comincia ad avvertire i movimenti del feto con dentro il proprio bambino e ritrova serenità, anche se logicamente la grandezza della pancia aumenta e ciò può comunque causare ansia e stress.

Ansia in gravidanza: ultimo trimestre

Nell’ultimo trimestre la mamma comincia a sentir vicino il momento del travaglio e del parto, dunque l’ansia in gravidanza può diventare particolarmente insistente specialmente quando si pensa al rischio di provare dolore al momento della nascita.

Secondo alcuni studi l’eccessiva ansia in gravidanza può anche provocare danni al feto, specialmente qualora si verifichino attacchi di panico o ansia cronica, dunque parliamo di una condizione che non va assolutamente sottovalutata.

Affidarsi a un' ostetrica online durante l’intero periodo di gestazione è indispensabile per vivere serenamente il periodo di nove mesi e ricevere tutte le attenzioni necessarie, ma spesso può risultare efficace anche il sostegno di uno psicologo online .

A partire da marzo 2020, DaVinci Salute ha unito la sua tecnologia alla professionalità degli ostetrici e maternal personal-trainer di Mammole . Si tratta della collaborazione con la più grande community di mamme natural in Italia da cui sono nati tanti nuovi servizi per le mamme.

Un’eccellenza tutta italiana che è iniziata per offrire supporto durante l’emergenza coronavirus con i corsi preparto e che attualmente ha aperto i battenti a tanti servizi per le mamme.

Insomma, DaVinci Salute e Mammole rappresentano un binomio di sicuro affidamento per aiutare a 360 gradi le donne durante la gravidanza.

Consulta un dottore

Ansia in gravidanza: sintomi

I sintomi provocati dall’ansia in gravidanza sono svariati e facilmente riconoscibili, ma possono essere tenuti sotto controllo con l’aiuto di un'ostetrica online .

Occorre precisare che provare paura, agitazione o stress durante la gestazione è del tutto normale, ma quando le sensazioni peggiorano e si accentuano in maniera preoccupante fino a far perdere il controllo allora è necessario rivolgersi a un professionista.

Ecco i sintomi principali dell'ansia in gravidanza:

  • Disturbo del sonno e periodi prolungati di insonnia
  • Incapacità di svolgere le proprie attività quotidiane a causa del nervosismo eccessivo e del continuo stress
  • Eccessiva tachicardia e sudorazione
  • Perdita del controllo, distacco dalla realtà e poca lucidità
  • Svenimenti, senso di costrizione, respiro affannoso possono essere avvisaglie di attacchi di panico notturni e diurni
  • Talvolta la stato permanente d’ansia può peggiorare in depressione in gravidanza o attacchi di panico in gravidanza a seconda della condizione psicofisica del soggetto e ciò richiede di rivolgersi subito a un esperto

Consulta un dottore

Ansia in gravidanza: 8 consigli utili

Per combattere l’ansia in gravidanza si possono adottare vari metodi e varie modalità, in modo da tenere a bada i sintomi e le sensazioni negative.

Adottare semplicemente degli atteggiamenti positivi e circondarsi di persone care può essere un buon rimedio, così come rivolgersi a uno psicologo online al quale esporre le proprie difficoltà.

  • E’ importante andare d’accordo col proprio partner, cercando di non mettere da parte i momenti di intimità
  • Tenere lontani dalla propria testa i pensieri negativi cercando di tenere impegnata la propria mente con attività che invece tengono alto il tono dell'umore
  • Svolgere esercizi in gravidanza come yoga, nuoto e pilates che distendono i muscoli e permettono di rilassarsi
  • Fare passeggiate all’aria aperta anche in compagnia di un’amica o una persona cara
  • Frequentare amici e persone fidate che consentano di vivere qualche ora di svago in totale relax
  • Prendersi cura di sé stessa, della propria casa e delle proprie cose come si è sempre fatto, evitando quindi di trascurare il proprio aspetto fisico e i propri hobby quotidiani
  • Parlare delle proprie insicurezze con persone intime, fare uscire le proprie emozioni e sfogarsi, anche perché accumulare frustrazioni in silenzio potrebbe sfociare col tempo in una forma di depressione in gravidanza
  • Un ruolo importante è rivestito dall’alimentazione che dev’essere curata nei minimi dettagli su indicazione di un esperto

Consulta un dottore